Avvocato reati penali informatici - Nuove tecnologie

avvocato penalista italiano francia Amiens

Avvocato reati penali informatici - Nuove tecnologie Austria Canada Inghilterra Repubblica Dominicana Regno Unito Uk Grecia Spagna Germania Francia Svizzera Malta Uruguay Svezia Stati Uniti Usa Stati Uniti Paraguay Colombia Belgio Olanda Danimarca Australia Lussemburgo

Avvocato italiano - Vitry-sur-Seine Danimarca Nanterre Marseille Francia Besançon Fort-de-France Caen Uruguay Tolone Amiens Strasbourg Argenteuil Stati Uniti Usa Perpignan Bourges Rueil-Malmaison Strasburgo Poitiers Champigny-sur-Marne Spagna Cannes Saint-Pierre Austria

Per comprendere questa articolata rete di utilità può essere utile il ricorso alla concezione di "tecnologia", assimilata dalla teoria economica, nella sua impostazione più generale e dottrinale di capacità di unire fattori di produzione (lavoratori, capitale, competenza, etc.) al fine di ottenere un determinato scopo.

In base alla distinzione tra tecnologie legittime e tecnologie illegali, in funzione dell’ammissione o meno nei vari ordinamenti delle tecniche con cui sono mescolati i fattori di produzione, la criminalità economica può essere definita come l’insieme di operazioni economiche gestite con l’uso di strumenti tecnologici illeciti.

La suddetta definizione, pur estraendo direttamente dai tre elementi individuati nelle descrizioni fondamentali, ci consente di ricollocarli in un altro senso in un complesso più articolati di relazione tra essi.

avvocato penalista italiano francia Colmar

Siccome il successo nell’attività economica è, nella realtà sociale odierna, connesso alla promozione in ambito sociale, allora la rispettabilità del criminale economico sarà un chiaro effetto della sua capacità di ricorrere a strumenti tecnologici illegali per gestire i suoi affari economici.

Avvocato Francia - Asnières-sur-Seine Colombia Issy-les-Moulineaux Australia Le Havre Avignon Mulhouse Mérignac Saint-Paul Lilla Inghilterra Aubervilliers Dunkirk Germania Villeurbanne Montreuil Nîmes Antibes Perpignano Grecia Saint-Nazaire Metz Boulogne-Billancourt Parigi

L’obiettivo del profitto non può essere connesso direttamente a una singola operazione criminale, ma è rapportato alla sua gestione tramite strumenti di tecnologia illegale della funzione economica complessivamente considerata.

L’interdipendenza teorica tra fattispecie criminose economiche e gestione degli affari economici si basa sulla configurazione del crimine come tecnologia di allestimento dei fattori di produzione.

In tal senso la tecnica aziendale, sul piano legale, può essere, ma non lo è necessariamente, una strategia di gestione.

avvocato penalista italiano francia Annecy

Il riferimento alla criminalità come "tecnologia" non é utile solo alla ridefinizione dei vari profili delle descrizioni esistenti di criminalità economica.

Essa invero ci concede parallelamente l’occasione di collegare a un solo profilo un insieme di elementi che emergono dalla disamina e dal lavoro di indagine nell’ultimo ventennio e altri che invece sono nel futuro programma dell’analisi teorica della criminalità.

La gestione di tipo criminale del fattore manodopera ha acquisito un valore sempre più determinante sia per lo sviluppo dei mercati illegali, come quello della prostituzione o del traffico di stupefacenti, sia per lo sviluppo di rami di mercato legale del tutto o moderatamente in nero.

La gestione di tipo criminale della manodopera ha scavalcato negli ultimi anni la sua dimensione rigorosamente locale e nazionale, per diramarsi sul piano internazionale, rinvigorendo relazioni sempre più strette con il traffico internazionale di immigrati (Savona, Lasco, Di Nicola, Zoffi 1997).

Nell’amministrazione del fattore capitale, la rilevanza delle tecnologie illegali di gestione è cresciuta insieme allo sviluppo della globalizzazione e con l’espansione del loro potere a livello locale.

avvocato penalista italiano francia Aulnay-sous-Bois

L’aumento dei casi di riciclaggio internazionale dimostra sempre più come questo fenomeno non sia connesso unicamente alla copertura del carattere illecito delle operazioni di finanza, ma sia guidato dall’evoluzione dei guadagni e della pericolosità delle varie operazioni.

Come le tecnologie legittime di gestione, anche quelle illecite generano cambiamenti e modificazioni dei traffici a livello internazionale in replica alle innovazioni nelle politiche di accertamento e vigilanza, che ne trasformano le connesse opportunità .

Anche sul piano delle strategie competitive, le tecnologie illegali si caratterizzano come una via diversa per l’amministrazione con strumenti conformi alla legge della concorrenza sul mercato.

L’impiego della sopraffazione criminale è il mezzo concorrenziale massimo, per la possibilità che concede, al soggetto che ne fa uso, di rapportarsi con i rivali sulla determinazione stessa dei diritti di proprietà sugli strumenti e i prodotti che contraddistinguono gli affari economici (Lasco 1997).

Ma anche reati di frode (Levi 1981), riproduzione di marchi, corruzione (Van Duyne 1997) sono elementi di un bagaglio competitivo di tipo criminale, la cui funzionalità può emergere nell’esecuzione di azioni economiche sia illecite sia invece pienamente conformi alla legge, almeno formalmente.

I reati di frode possono avere un’importante funzione anche nella gestione dei rapporti con altri commercianti o consumatori, essendo un elemento centrale del sistema di organizzazione dei rapporti verticali tra i vari settori aziendali.